martedì 17 maggio 2022

Tommaso Lisa Insetti delle tenebre

 


Coleotteri troglobi e specie relitte

Sulla home della casa editrice Exorma troviamo "Insetti delle tenebre di Tommaso Lisa, secondo capitolo della trilogia iniziata con Memorie dal sottobosco, è dedicato agli insetti del sottosuolo e agli habitat in cui vivono."

L'autore Tommaso Lisa è un appassionato entomologo, nel 2001 ha pubblicato per l’associazione francese “r.a.r.e.” il catalogo ragionato sui Cicindelidi della regione del Mediterraneo.

È dottore di ricerca in Lettere. I suoi studi di estetica vertono sulla “poetica dell’oggetto” del filosofo Luciano Anceschi, nella poesia italiana nella seconda metà del Novecento, da Montale alla nuova avanguardia. Ha scritto libri di critica letteraria su Edoardo Sanguineti e Valerio Magrelli.

In questo libro Tommaso Lisa nello studio di Paolo Magrini, di professione medico, appassionato degli abitanti dei mondi sotterranei, daranno un nome ad esoscheletri, ad identificare differenze. 

Paolo Magrini perlustra il sottosuolo come un minatore con la luce fissata sul casco per vincere il buio. Entra in piccoli antri, come la Grotta dei Ghiri che si apre vicino ad un sentiero tra monte Morello e la Calvana. 

"Che cosa sia una grotta, appare evidente, è in prevalenza un fatto di proporzioni: qualunque profondo anfratto o fessurazione del terreno può essere una grotta per un insetto"

Jacques Lacan definisce "il luogo dell'altro" il giunto tra simbolico e immaginario. Andiamo insieme a Tommaso e a Paolo in questo luogo dell'altro dove abitano insetti nell'incerta zona di confine tra passato e presente, tra mondo umano e mondo naturale.

Gli insetti vivono al buio, durano al buio. Il buio mantiene le forme. Antonella Anedda scrive ciò che può essere una domanda, leggiamo da Tommaso " Dove nascondersi dal pensiero che smette di rappresentare, mostrare, intrecciare, infeltrirsi" 

Tommaso Lisa si sente un equilibrista su un filo senza inizio e fine, circondato dall'abisso del tempo, seguendo Paolo e il suo dono, un esemplare di Typhlotrechus bilimeki tergestinus. Un carabo troglobio. Una sottospecie conosciuta negli anni Ottanta del secolo scorso. 

Come faccia Tommaso Lisa a farci appassionare a queste creature del buio è per me un mistero, eppure sembra lucente la sua passione e noi ne siamo illuminati. 

Sarà perché Tommaso Lisa studiando gli insetti in realtà sta cercando di identificare noi stessi, sta osservando le piccole cose per evitare grandi cose, come era scritto in un esergo che lui aveva scelto, una citazione da Sweet Tuesday di John Steinbeck e che io trovo attinente. 

Leggiamo nel Regno della Litweb gli Insetti delle tenebre di Tommaso Lisa, un regno molto vicino agli insetti, nel confine fra simbolico e  immaginario, fessura della possibilità di vivere in qualsivoglia estrema situazione

Ippolita Luzzo 

lunedì 16 maggio 2022

Il Tempo del corvo e del ragno di Francesca Tuscano


Per la Bertoni Editore nella Collana Miele, curata da Francesca Farina, viene pubblicata la raccolta di poesie, di ballate, di Francesca Tuscano. L'immagine di copertina è di Giancarla Frare e la prefazione di Piero Pieri. 

Ritrovo un po' sia in immagine che in parole il senso del verso di Francesca Tuscano. 

Piero Pieri scrive di lei, del suo essere testimone storico di una Russia in transito. Già la precedente raccolta Gli Stagni di Mosca vi era lo svelamento dello sfaldarsi dell'orizzonte sovietico e ora qui la Russia è quasi un relitto, priva dell'orgoglio nazionale. La fine di un impero.

Il libro ha in esergo una frase dai Demòni di Dostoevskij su uno strano posto abitato da un ragno cattivo e con una citazione di Camus da Il mito di Sisifo "Essere privi di speranza non significa disperare"

Sembra di sentire Leopardi con Camus, infatti Leopardi diceva che nella parola disperazione vi era pur sempre insita la speranza. 

Dopo le ballate le dediche, e qui Francesca dedica a Giacomo, ad Anna, a se stessa, parole e versi leopardiani. 

A me/ l'odio è una buona musa/ se l'illusione non basta/

l'illusione è una buona musa/ quando l'odio non basta.

Ritorno a Leopardi e alle illusioni forse perché ultimamente ho ascoltato per due volte le magistrali lezioni di Fabiana Cacciapuoti su Leopardi e sul suo intimo credere alle illusioni come spinta vitale, come vita. 

e dopo le ballate e le dediche le lettere, Lettere del numero sette a Don Giovanni sulla solitudine e sulla curiosità che può raccogliere quella solitudine e sulla memoria che nulla perdona.

Francesca continua a scrivere e in Rime sempliciotte a X ci confessa che " le credevo lettere, ed invece erano pagine di bestiario, immagini di illusioni fallate. 

Ma arrivati all'ombra del ragno troviamo la dedica a sua madre sull'amare molto, su chi amiamo e su come ci esercitiamo con la memoria per trattenere i nostri cari accanto. 

Ippolita Luzzo

 

Francesca Tuscano si è laureata in Lingue e letterature straniere (Russo e Tedesco) e in Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Perugia e nel corso di laurea Lici dell’Università per stranieri di Perugia. Ha conseguito il Dottorato di ricerca in Letterature comparate con una tesi sulla presenza della cultura russa nell’opera di Pier Paolo Pasolini. Ha studiato presso l’Istituto “Puškin” di Mosca nel 1986 e nel 1988.

Ha lavorato come burattinaia, insegnante di russo e di italiano, interprete e traduttrice e archivista nella catalogazione di fondi musicali antichi. Ha insegnato lingua e cultura italiana presso l’Istituto di Romanistica dell’Università di Salisburgo e presso l’Università per stranieri di Perugia, Lingua russa e Letteratura italiana contemporanea alla Facoltà di lingue straniere per lo stesso ateneo. Si occupa di letteratura, teatro, cinema e musica russi, di bizantinistica, di letteratura italiana contemporaneaa e soprattutto del rapporto tra cultura russa e cultura italiana.


Ha pubblicato diversi saggi, molti dei quali su Pasolini e su Alvaro, e la monografia La Russia nella poesia di Pasolini (Book Time, Milano 2010). Ha inoltre lavorato a testi di filologia slava, storia locale (su Bova, in Calabria, e Città della Pieve, in Umbria), e sui diritti dell’uomo e del bambino. Ha tradotto testi di Akunin, Jakobson,  Chlebnikov, Lotman, Kuz’min, Batkin,  Limonov,  Medvedev,e scritti inediti di letteratura critica su Pasolini. Ha pubblicato le raccolte di poesie “M.Y.T.O.” (Era Nuova 2003), “La notte di Margot “(Hebenon-Mimesis 2007), “Gli stagni di Mosca “(La Vita Felice 2012) e “Thalassa” (Hebenon-Mimesis 2015).


Ha scritto libretti d’opera e testi teatrali (tra i quali “Come si usano gli articoli”, pubblicato in “I diritti dei bambini”, Rubbettino 2005). Nel 2016, per il Mittelfest di Cividale del Friuli, è stata messa in scena l’opera lirica Menocchio su suo libretto (musica di Renato Miani).


 

giovedì 12 maggio 2022

Mirella Samele Il profumo della cioccolata calda

La memoria seleziona. 

Nel selezionare ciò che ci rimane diventa quel che diventiamo. 

Se ricordiamo momenti spiacevoli o scortesie possiamo restare rancorosi e scontenti, se invece riusciamo a serbare il bello e il buono anche dove sembra non esserci allora la memoria ci renderà affabili verso il nostro passato ma soprattutto verso il nostro presente. Questo vale per tutti noi sempre impegnati in questa attività del selezionare e del rimuovere eppure conservando con cura e attenzione fatti e affetti che ci fanno essere come siamo. 

La memoria seleziona ricordi e stasera siamo qui a parlare con Mirella della sua selezione affettuosa su anni e anni su un suo portare con sé e far vivere presentandoceli di nuovo i componenti della sua famiglia raccolti intorno ad una tazza di cioccolata calda e ad altre prelibatezze che scopriremo leggendo. 

La famiglia è il luogo dei legami e delle connessioni, la famiglia, pur con le sue storture e imperfezioni, è una creazione della civiltà. Creando un nucleo stabile l’uomo fin dall’antichità ha posto in essere la cura dei figli e la protezione degli anziani e nello stesso tempo ha creato la socialità allargando la famiglia alla parentela e continuando poi fino alla creazione della politica che diventa scelta fra uno o un altro obiettivo, che diventa anch’essa selezione, ritornando all’individuo.

 Un giro larghissimo per tornare sull’uomo che solo non può stare perché abbiamo bisogno di affetto e di gratificazioni, di rimproveri e di litigi per permetterci poi la selezione

Ippolita Luzzo 

mercoledì 4 maggio 2022

Calati junco

 9 febbraio 2010

Calati jiunco ça passa la chjna


Piegati giunco che passa la piena, la furia dell’acqua, il fiume in piena, senza argini, 

piegati giunco, abbassati, per resistere, rimarrai così saldamente al tuo posto, perché non potrai essere trascinato  dall’irrompere tumultuoso delle acque, 

piegati giunco, ma fermo, non vacillare, stabile, non è un simbolo di sconfitta, è una dolorosa, reale constatazione, quando gli avvenimenti ci travolgono, quando ogni nostro agire è come un boomerang contro di noi, quando “taci, il nemico ti ascolta…” e il sospetto attanaglia anche le menti più ben disposte, allora è tempo di – calati jiunco ça passa la chjna. -

La piena, proprio per la sua irruzione tempestosa, dilavante, cieca, non dura molto. La furia che ha in sé trasporta, scortica, sposta, e tutto involve, ma poi si placa. 

Finita l’esuberanza, la tracotanza, l’imperio, - dicono i poeti – la quiete dopo la tempesta. 

Ma durante la tempesta non basta piegarsi, ancorarsi, non basta: quanti umili, fragili, o forti sono stati cancellati, e allora bisogna imparare ad affidare le nostre sorti, con umiltà riconoscere il momento e pregare, e con nuovi occhi guardare quel che resta, quel che non c’è più, la miseria, la pochezza dei nostri averi.

Chjcati jiunco, perché di una cosa siamo sicuri tutti, che passa la piena e se ne va.

Ippolita Luzzo 

 







sabato 9 aprile 2022

Angelo Di Liberto Lea


Lea, fiaba di Angelo Di Liberto, con i disegni di Cecco Mariniello, pubblicata da Gallucci Editore, nella collana BROS. Dedicata a tutti i nostri animali perduti, scrive in esergo Angelo, ed io aggiungo a Moby, Orso, Akita, Nina,  aggiungo Gala, la mia cagnolina amata, e Spillo, il labrador che non siamo riusciti salvare da una comune gastroenterite.

 La fiaba per ogni età, ma certamente da raccontare insieme ai più piccoli, é ambientata a Palermo, per lo più nel Giardino Inglese, anzi questo fiabesco giardino è il luogo magico della salvezza. Un giardino che ha tra ogni spettacolare pianta anche un ficus gigantesco, quasi un personaggio fra i personaggi. 

Raccontata in modo semplice e con andamento quasi da c'era una volta, la storia di Gertrude, insegnante in pensione, e di Lea, la cagnolina che adotta subito, dopo averla scelta fra altri sette cuccioli, Lea, la più timida, quella che il proprietario voleva tenere per sé. Gertrude aveva già incontrato la madre di Lea, al Giardino Inglese, Nina il suo nome, e ne aveva avuto quasi un lascito.

 Non racconterò la storia ma solo l'incontro tra Marco, il bimbo con problemi di linguaggio, e la cagnolina, per dire come avere un cane possa influenzare positivamente le relazioni.  La fiaba raccontata da Angelo Di Liberto ha un andamento simile a tutte le fiabe della nostra infanzia. I buoni e i cattivi e per fortuna nelle fiabe vincono i buoni. 

Lea, continuo a mormorare ricordando Gala, la mia cara cagnolina, setter con macchie arancio, che io non sono riuscita a salvare dai cattivi. Gala era stata data a dei contadini quando io sono stata esiliata lontanissimo da casa per insegnare di ruolo nella scuola media. Quei contadini la legarono ad un lungo filo di ferro e suo unico movimento fu poter scorrere avanti e indietro lungo quel filo. Fu molti anni fa ma ogni volta ne sono funestata.

 Seguo con partecipazione il rapimento di Lea e poi tutto ciò che avviene. Una fiaba che ci appartiene e vorrei vedere Lea conosciuta per ogni contrada del Regno della Litweb

Ippolita Luzzo 


giovedì 31 marzo 2022

Francesco Permuniam Calabiani


"Ho fatto i conti con la mia infanzia", dice Francesco Permuniam di questo suo libro e continua col raccontare come fosse un bambino delicato, "un bambino marrone" per via della melassa con la quale, in penuria di latte, veniva nutrito. Un bambino che trascorreva il tempo ascoltando i topi scorrazzare nel solaio col timore che potessero entrare nel suo corpo attraverso le orecchie e il naso. 

E da "quella atroce condizione infantile che ho preso a costruire i miei primi castelli di chimere. E ho poi proseguito da adulto" sul fantasticare come volo, come uscita, come liberazione, come veder meglio le tenebre dell'infanzia. 

Calabiani antologia privata dei miei demoni infantili, di Francesco Permunian è situata nel Polesine, terra di Ossessione, scrive Rolando Damiani nella prefazione. Ed il libro porta in copertina una locandina di un evento, di una sagra avvenuta a Caverzere nel 1899. 

Cavarzere è un paese diviso dal fiume Adige e al centro del paese la via Roma poi verso sud la strada di Adria, a circa un chilometro da Cavarzere si trova Ca'Labia. Nel libro troviamo una piantina della zona, con le case e gli abitanti, con i loro soprannomi e la composizione familiare, con qualche fotografia di allora, di cento anni fa. tutti poveri tranne qualche proprietario terriero. 

Nel fascinoso racconto io rivedo Oblivia di Pippo Russo, quella strada e gli abitanti in un onirico racconto. Anche il passato ci sembra un sogno lontano, un incubo o una bella storia lontana lontana. "Oblivia è un luogo incantato. Vive immerso in una natura d'irreale bellezza, lontano dal mondo e in un tempo senza tempo. La gente di Oblivia non conosce altri che la gente d'Oblivia, Oblivia è irraggiungibile perché l'unica strada che la collegava al resto del mondo franò un giorno a valle; e gli abitanti stabilirono che fosse meglio così, e che quel posto potesse bastare a se stesso. Soprattutto, Oblivia porta nel nome la dimenticanza" così scrive Pippo Russo e così trovo in Permunian nella sua Ca'Labia. 

Il racconto è inframezzato da versi, da incontri, da fotografie, e siamo già al suo primo incontro con Mario Giacomelli, a Senigallia, quarant'anni fa, quando un giovane poeta incontra il geniale fotografo di fama internazionale e dall'incontro nasce la collaborazione di un progetto visionario. 

Permunian mandò nel 1982 le sue poesie a Giacomelli e lui faceva "un'operazione espressiva" con un effetto espressivo-evocativo, come ben dice, nella rigorosa e importante postfazione Licia Maione. 

Da Ca'Labia al mondo tutto con l'incontro di anime elette, un'affinità elettiva che supera ogni distanza e vive nel magico luogo dell'arte e della fantasia. 

Un libro da amare moltissimo e che è amato moltissimo nel regno inventato, Il Regno Della Litweb

Ippolita Luzzo 

Ippolita Luzzo 2022


 Ippolita Luzzo 2022

Ippolita Luzzo, laureata in filosofia con tesi su Max Stirner, L’Unico e la sua proprietà. 

Da giugno 2012 scrive sul blog “Il Regno della Litweb di Ippolita Luzzo” quasi un giornale di cui lei è editorialista, direttrice e cronista. Col suo blog indaga e legge ogni momento letterario ed artistico per lei autentico interpretando in modo originale il senso del testo.

Ha vinto il premio Parole Erranti il 5 agosto 2013 a Cropani, nell’ambito dei Poeti a duello, X Festivaletteratura della Calabria.

Nel 2016 ha vinto il concorso “Blog e Circoli letterari" indetto da Radio Libri nell’ambito di Più Libri più liberi al Palazzo dei Congressi a Roma.

Dal 2017 fa parte della giuria del Premio Brancati.

Il 6 ottobre 2018 vince il Premio Comisso #15righe, dedicato alle migliori recensioni dei libri finalisti.

Sempre ad ottobre 2018 il suo blog è stato inserito dal sito Correzione di Bozze fra i Lit-blog e le riviste online nazionali che si occupano di letteratura.

Fa parte, fin dal primo momento, della giuria scelta per la Classifica di Qualità dalla rivista L’Indiscreto.

Dal 2019 Il Regno della Litweb collabora con Il Premio Comisso 15 Righe nella giuria di valutazione delle recensioni sui libri in concorso.

Nel 2021 è Presidente di giuria del concorso Sperimentare il Sud 

nel 2022 è in giuria nel Premio Malerba.

Scrive su giornali e riviste on line e cartacei.

Molti suoi pezzi stanno nelle cartellette degli autori che, fidandosi, le mandano i loro scritti.

Nella libertà di lettura.

mercoledì 30 marzo 2022

Liliana Madeo Si regalavano infamie


 Leggere bene, con Liliana Madeo, leggere la storia come se fosse un romanzo. Liliana Madeo, giornalista delLa Stampa, si occupa qui di una vicenda che l'ha molto presa tanto da indagare e conoscere meglio  l'amicizia fra due donne potentissime nella Bisanzio del VI secolo dopo Cristo, alla corte dell'imperatore Giustiniano.

Antonina e Teodora le potenti di Bisanzio è il sottotitolo del romanzo, e sembra la biografia di entrambe, tanto la ricerca è accurata. 

Antonina è però la protagonista, Antonina morta e infamata, Antonina qui raccontata dalla figlia Giovanna, dallo storico Procopio, cronista dell'epoca terribile in cui la vicenda si svolge. Antonina, vedova di un mercante e sposa di Belisario, il più grande generale dell'impero. 

Guerre e intrighi, tradimenti e torture, si succedono in una storia sempre crudele e in bilico fra esaltazioni e umiliazioni. L'amicizia fra Teodora, moglie dell'imperatore Giustiniano, e Antonina, moglie del più valente generale dell'impero, si snoda fra avvenimenti storici terribili, dettati dalla sete del potere, più che dalla voglia di ricchezza, dettati da rivendicazioni di ruoli, da voglia di riscatto e di autorità su tutto. Calpesteranno entrambe figli e affetti pur di soddisfare ambizioni e pur di sentire sempre di avere in mano lo scettro del comando. Il segno del comando, lo intitolerei io.

 Raccontato con grande maestria, il romanzo è avvincente e ci invita a riflettere sulla orribile contemporaneità con questi nostri tempi insanguinati da anni e da guerre altrettanto insensate, sofferte dal popolo, sofferte da chi, incolpevole, si trovi in mezzo nei giochi di potere.

Scorrono le immagini della guerra in corso nel mentre io leggo le guerre del sesto secolo dopo Cristo. Con Liliana Madeo, leggiamo intrighi e invasioni, generali e potere, terribile potere che sevizia l’umanità e nel nostro terrore cerchiamo rifugio nella letteratura.

Ippolita Luzzo 


lunedì 28 marzo 2022

Emanuela Monti Memorie di un'avventuriera Aphra Behn


 Liberamente ispirato alla vita di Aphra Behn, scrive l'autrice, Emanuela Monti, nel sottotitolo e spiega il perché nella sua introduzione. Dopo aver fatto, con un iniziale sgomento, la tesi di laurea, che le era stata assegnata, lei si appassiona a questa scrittrice del Seicento, drammaturga di un secolo di transizione. Non sono state però le opere lasciate da Aphra Behn ad appassionare Emanuela, bensì la vita.

 Una figura di donna fuori dall'usuale, con risvolti incredibili. Di tutto ciò che le fonti rimandano , biografi e critici disquisiscono ancora, a volte non trovandosi d'accordo, ma si può tentare di immaginare, ed è ciò che ha fatto Emanuela Monti, pur nella rigorosa ricostruzione storica. 

La prima donna scrittrice, la prima donna che viene pagata per il valore del suo scritto, dice Virginia Woolf, invitando tutte le donne a ricordare Aphra Behn. 

Nella Londra del 1682, ad agosto, a ferragosto, inizia il racconto con una lettera dell'attrice Lady Slingby all'uomo che Aphra aveva amato. Una lettera di richiesta di aiuto rimasta inevasa. L'uomo si ritrae. Aphra e l'attrice sono in prigione a causa di un dramma recitato al Duke's Theatre, perché il Re si era offeso. 

 Aphra uscirà dalla prigione e troverà questa lettera nelle sue carte, e siamo nel 1686 e leggo con partecipazione un discorso sull'amore che un po' appartiene a tutti. L'amore come un gioco crudele, l'amore come come sfida, e vince sempre chi ama sé stesso, così lei ci racconta del suo amore con John Hoyle, carnefice e vittima, e la vittima non merita indulgenza, essendo una stolta pedina di un gioco sterile. 

Aphra brucerà tutte le lettere che lui le ha mandato, tranne le prime. 

Mi ero ripromessa che non dovevo raccontare passo passo questo romanzo accattivante e amatissimo, per lasciare che ognuno si possa scegliere i momenti e le pagine da conservare, io ne ho conservate tante, come quest'altra, quando l'amore finisce, e lui che pur l' aveva sempre amata, ora le confessa di non amarla più, anzi che era la prima volta che lui, amando un'altra, si sentiva attratto. 

C'è sempre una grande competizione, una tensione amorosa che regge tutto il romanzo, anche se gli eventi storici vedranno Aphra protagonista come spia, al servizio del re. 

Intanto scrive poesie e romanzi, dedica a Giacomo Stuart alcuni drammi e ciò le procura attacchi violenti. Nel teatro morto il re Carlo tutto è cambiato.

Leggiamo dei suoi malanni, della sifilide, della gotta, della sciatica, e altri disturbi intestinali che neppure la liquirizia riuscirà a risolvere. 

Aphra muore nel 1689 ma in questo libro è viva e ci parla delle sue poesie, delle sue "novel", dei suoi drammi.

Un grande applauso a Emanuela Monti per avercela presentata

Memorie di un’avventuriera, pubblicato da Il ramo e la foglia edizioni. 

Ce ne andiamo tutti nell’Inghilterra del Seicento con questa biografia romanzata sulla prima donna scrittrice di professione.

 E per oggi ringrazio la mia buona stella che fa giungere nel Regno opportunità di letture stratosferiche

Ippolita Luzzo   

martedì 22 marzo 2022

Marco G. Ciaurro Saggio sulla poesia di Francesco Belluomini

 


Vocazione e custodia del senso di verità è il titolo del saggio sulla poesia di Francesco Belluomini frutto degli studi di Marco G. Ciaurro, filosofo, scrittore e organizzatore di eventi. È membro della Societé Amie de Blanchot e del Comitié de rèdaction nel sito Espace Maurice Blanchot. 

Francesco Belluomini, poeta, idea e fonda il Premio Camaiore, ora a lui intitolato. 

Belluomini si definisce operaio dei sogni e la sua opera è un grido proletario." intenso  come grado zero della scrittura. Perché non c'è grido più forte del silenzio della scrittura." Marco Ciaurro si chiede se sia possibile l'umanesimo, una via all'umanesimo, "Umanesimo del grido" che possa denunciare una natura violata e depredata in cui l'uomo disconosce il suo compito razionale e disconosce il senso interno della parola, che è la poesia.

La poesia è pur sempre la speranza che sia possibile sconfiggere il nonsenso e dare un senso alla vita. 

Dall'astratto al concreto mi piace dire che mai avrei potuto conoscere la poesia di Belluomini se Marco Ciaurro non ne avesse fatto testimonianza, ed è bella questa amichevole conoscenza sul segno linguistico.  Francesco Belluomini ha attraversato più generi, scrivendo molto, più di trenta i libri pubblicati, ma rimane soprattutto un poeta. 

La poesia è vigilanza della parola, sorveglianza del senso e del nonsenso linguistico, e  nel passaggio da pensiero ad azione, dal momento in cui quell'istante del pensato si trasforma in segno si raggiunge il circolo del senso.

 «Chi scava il verso incontra l’assenza degli dèi»: così Maurice Blanchot dà voce a chi ha avuto il privilegio e insieme la sventura di essere colpito dall’anatema della letteratura. Così leggo su Lo Spazio Letterario. 

Il linguaggio di Belluomini è respiro reale, la poesia è un varco sul pensiero in eccesso. La poesia è come una ricetta. "Nonostante tutto lo rifarei" scrive il poeta-

Moltissimi gli spunti interessanti, moltissima la commozione leggendo il saggio e vi rimando alla sua lettura sperando di avervi incuriosito. 

Ringrazio il luogo poetico dell'incontro e ringrazio Marco G. Ciaurro per l'eccezionalità della lettura

Ippolita Luzzo



giovedì 17 marzo 2022

Commedie del vespero e della notte di Livio Santoro


Commedie le chiama Livio Santoro.
Preghiera dell'ascesa del Kohr è una preghiera, anzi una convinzione. Gli abitanti della pianura del Kohr credono che il cielo eterno sarà raggiungibile anche dai vivi se saranno rispettate alcuni precetti d'igiene e cosmesi. Ah come sono assurde le credenze altrui! 
Piaga è una preparazione all'arrivo delle locuste. Sempre una preghiera è, perché prepararsi all'arrivo era già nel Vangelo, arriveranno dunque, come in tutte le storie, le locuste e saranno il cibo proteico, un balsamo.
Il cerchio della lotta è uno dei racconti brevi, più che un racconto un saggio sulla lotta, anzi su cosa sia la lotta, su cosa si dovesse intendere per lotta. 
Anche su questo si formarono fazioni, ed anche se nessuna delle parti, intenta nelle discussioni, volesse litigare, anzi volevano una intesa collegiale, si continuava la discussione con toni a volte alterati, tanto più alterati che alla fine le parti litigarono davvero. 
A valle del dolore è un racconto su una sciagura già successa che sta portando un dolore immane in un villaggio, in una comunità. Decidono infine gli abitanti che uno solo di loro debba prendersi carico della sofferenza generale e ad uno solo viene inflitto lo stesso tormento che venne dato a Prometeo. Incatenato costui su un trespolo, ognuno poteva infliggere su quel corpo nudo ogni genere di ferita, per poi la notte curarla affinché non si infettasse,  ed il tormento durasse eterno. E da allora, spostando l'oggetto del dolore, nessuno pensò più alla sciagura che era stata. 
Oracoli deludenti ci invita all'esercizio dell'immaginazione, all'esercizio della finzione, e far bastare quel che si ha, perché solo questo esercizio sarà la risposta che non c'è al nostro vagare, e come l'oracolo ci dirà "Non troverai nulla di ciò che cerchi perché in nessun luogo esiste"
Livio Santoro in Commedie del Vespero e della Notte, raccomandate dal Regno della Litweb 

Ippolita Luzzo 





"Due anni dopo l'uscita delle sue "Piccole apocalissi", Livio Santoro torna con una nuova raccolta di racconti fantastici. Testi brevi e brevissimi, nei quali il talento visionario dell'autore prende forma in una prosa densa e musicale che sfiora la poesia. Tra atmosfere cupe e scenari estremi, in ognuna di queste "commedie" si avverte in sottofondo il ghigno inquietante della tenebra."


domenica 13 marzo 2022

La Terra senza di Anna Vinci diventa un film


Giornata magica oggi per il Regno della Litweb ospite di Anna Vinci e Rean Mazzone nel bistrò "Amici miei" per un risotto ai funghi buonissimo in compagnia degli attori Carlo Greco e Aurelio D'Amore e di altri componenti la troupe del film ''La terra senza'': il film d'esordio di Moni Ovadia. Produzione di Rean Mazzone. 

Rean era a casa per una laringite che ci aveva afflitto entrambi ma io, benché quasi impossibilitata a parlare, ho sfidato laringe e faringe pur di esserci. 

Partiamo da Lamezia Terme con Gian Lorenzo Franzì, direttore di produzione del film, e a Valentina Arichetta, sua moglie, nonché compagna di letture del libro di Anna Vinci "Tina Anselmi Storia di una passione politica". 

Portiamo ricordi bellissimi con noi, negli anni felici di una amicizia leale. Seguiamo dunque questa nuova avventura, ora nel marzo 2022 iniziano le riprese tra i palazzi storici e il Parco della Biodiversità nella città di Catanzaro, dove la storia è ambientata, storia nata da un testo teatrale, un dramma in due atti, della scrittrice Anna Vinci. Lo spettacolo, prodotto nel 2008 dalla Fondazione Politeama, e andato in scena per la I volta il 16 maggio 2008 nell’ambito dell’allora stagione dei “Teatri di maggio”, aveva per protagonista l’attore catanzarese Carlo Greco, proprio come nella versione cinematografica, ed io che ho letto il libro non potrei immaginare nessun altro al posto suo.

La storia è un ritorno a casa, in Calabria, del protagonista, Ludovico, e del suo scontro con la sorella  divisi da scelte di vita diverse.  

Il fratello sarà interpretato, come ho già detto, da Carlo Greco, mentre la sorella da Donatella Finocchiaro. Il figlio della sorella sarà  Aurelio D'amore, anche lui perfetto nel ruolo, infatti Anna, oggi lo chiamava Giacomo. 


La Terra Senza ci riguarda un po' tutti, sia coloro che sono andati via, come Ludovico, sia coloro che sono rimasti qui, al Sud di tutte le cose, riguarda noi come individui nei laceranti rapporti familiari che inspiegabilmente prendono strade irreversibili e pur nei silenzi diventano luoghi impossibili da percorrere.

Sarà un film che interesserà noi tutti attraversando luoghi e tempi, generazioni che si incontrano sul terreno nuovo del presente

Intanto anche io torno a casa ma capisco che non posso parlare di ciò che mi è successo e quindi lo racconterò a voi. 

Incontri ravvicinati di terzo tipo era un film di Spielberg del 77 ma noi oggi siamo nel 2022 a marzo con la scrittrice Anna Vinci nonché sceneggiatrice del film La Terra senza.

La vita intanto ci sorprende e ci straorza nel gioco dei venti e degli eventi  e così oggi mentre felicemente felici ci incontravamo con gli attori del film, mentre io chiacchieravo con Aurelio D'Amore, ecco che entra per salutare Carlo Greco, l’attore protagonista, un suo conoscente degli anni che furono ed il tempo si è fermato. 

In un istante la barriera si è infranta, moltissimi anni azzerati e Carlo Greco ci racconta chi è quel signore, ci racconta della sorella, bravissima attrice di Catanzaro. La commozione è palpabile, noi facciamo un applauso spontaneo come se fossimo a teatro, e fra lacrime di sentimento in noi il ricordo diventa presente. 

Quello che Carlo ci racconta è un periodo in cui le aspettative erano realtà, ci racconta del "  finire degli anni settanta quando una giovane attrice catanzarese entrò nella corte di Federico Fellini. Era Sara Tafuri la quale, dopo una brillante esperienza teatrale iniziata nella scuola di recitazione creata da Antonio Panzarella, assieme a Pino Michienzi, Rosa Ferraiolo, Diego Verdegiglio e Adele Fulciniti, approdò a Cinecittà. Per apripista, la Tafuri, aveva inviato alcune sue foto ma, non ricevendo riscontro, decise di recarsi personalmente nella città del cinema alla ricerca del mitico Fellini." e lo incontra veramente, lavorando poi per lui nel film La città delle donne. 

Carlo già da allora conosceva Sara Tafuri, e continua a dirci poi il suo terribile incidente nel mese di giugno del 1986, avvenuto a Catanzaro, e da allora "La sua vita è totalmente cambiata per colpa di quell’amaro destino che l’ha portata a vivere nella quasi immobilità" Anna abbraccia Carlo, io mi avvicino dopo, nel mio peregrinare attraverso la vita che si fa beffa di tutti noi, una vita bellissima e crudele, una vita che è un soffio, un giorno, una espressione degli occhi, un sorriso e un incontro. 

Ippolita Luzzo 

Ps: Nel film ci sarà la partecipazione di Gianluca Vetromilo, nel ruolo di Ludovico da giovane. 

Sul set ci saranno i bambini e i ragazzi  dell'Istituto Manzoni di Lamezia Terme  


articolo su Sara Tafuri di Alessio Bressi


mercoledì 9 marzo 2022

Cetta Petrollo Margutta 70


Margutta 70

Fra le varie magie, o chiamiamole coincidenze, mi ricorderebbe Domenico Dara, c'è questa meraviglia successa ieri, nella giornata internazionale della donna. Dopo aver trascorso tutto il giorno da mia madre, torno a casa e nella buca della posta mi aspetta il libro di Cetta Petrollo, Margutta 70, dedicato ad un luogo, a quegli anni, all'incontro con Elio Pagliarani, lo scrittore e poeta , con cui lei ha vissuto in leggerezza, gioia e speranza. 

Elio Pagliarani nato a Viserba, 25 maggio 1927  e morto a Roma, 8 marzo 2012. Dieci anni fa. La coincidenza della data mi sembra sempre quella risposta voluta ad una esigenza di un incontro.

Elio Pagliarani è stato critico teatrale del quotidiano Paese Sera, giornale amatissimo. È, uso il verbo al presente, tra i principali esponenti della neoavanguardia, è uno scrittore, ricordiamo La ragazza Carla, e ha una capacità inusuale di giocare con la lingua e il ritmo. 

Elio e Cetta abitavano al 51a via Margutta, negli anni Settanta, e sono quegli anni, insieme a quella via, i protagonisti di questa testimonianza felice di un amore, di una corrispondenza amorosa attraverso un tempo dilatato da tante letture e da generazioni diverse. 

"Margutta, una piccola via del centro di Roma, nel rione Campo Marzio,  alle pendici del monte Pincio, ora è un luogo di gallerie d'arte e di ristoranti alla moda, ma anticamente ospitava botteghe artigiane e stalle. Si tratta di una parallela di via del Babuino, la strada che va da piazza del Popolo a piazza di Spagna." 

Non ricordo quella via, troppo poco sono stata a Roma, ma Cetta Petrollo ci fa amare, di amore intenso, la via, la casa in quella via, gli incontri, e soprattutto Elio, compagno, amico, marito, ma soprattutto un poeta. "Scriverò, dunque, di una storia che era normale mentre la vivevo, ma adesso, nei miei ricordi e nel confronto con questi anni e con incontri più recenti, mi sembra straordinaria" e il protagonista, Elio, era straordinario per aver fatto della poesia "una scommessa di vita".

Anche Cetta Petrollo con  All’epoca che le fanciulle, edito da ZONA Contemporanea (Genova) nel 2017, con il libro più recente  Giochiamo a contarci le dita (ZONA Contemporanea, Genova 2021), e con Margutta 70, gioca la sua scommessa con la poesia, con la prosa, con il racconto ma sempre con una libertà sorvegliata, con  felice consapevolezza di leggerezza e allegria.

"Il piano su cui ci incontravamo - me ne rendo conto solo ora - era la trascuranza di quanto non fosse fondamentale al vivere - e la passione del vivere reggeva le nostre giornate e ci stava bene tutto ciò che ci facesse toccare il presente"

Un libro da leggere e rileggere, da amare immensamente perché immensamente ci fa amare la vita, gli incontri, l'amore per i libri, per il gioco dei versi, per il ritmo, per il suono felice che tintinna da  ogni pagina 


Ippolita Luzzo

Cetta Petrollo è nata nel 1950 a Roma, dove vive, è stata per quasi quarant'anni bibliotecaria, dirigendo alcune fra le più importanti biblioteche italiane fra le quali la Biblioteca Vallicelliana e la Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte.  Ora è Presidente dell’Associazione letteraria “Elio Pagliarani” che organizza l’omonimo premio nazionale di poesia. Frequentatrice dei laboratori di poesia di Pagliarani e prefata da Amelia Rosselli nel 1984 per la raccolta Sonetti e stornelli ( ed.Tam Tam), è autrice di numerose raccolte di prosa e poesia e del romanzo Senza permesso con prefazione di Walter Pedullà (ed.Stampa alternativa, 2007). Ha pubblicato edizione d’arte con incisioni di Cosimo Budetta per le edizioni Ogopoco. Qui http://eliopagliarani.blogspot.com/2012/07/scuola-pagliarani-allisola.html

lunedì 7 marzo 2022

Sesso più, sesso meno di Mario Fillioley


 Un libro strano, divertente e malinconico.

E sesso fu: astrazione mentale di Mario Fillioley, siciliano di Siracusa e quindi erede del filosofo Simmia di Siracusa (Siracusa, IV-III sec a.C.) 

Menzionato da Diogene Laerzio, come discepolo di Aristotele di Cirene, e di Stilpone di Megara di cui sposò la figlia come si dice in questo passo:

«Qualcuno disse a Stilpone che la sua figlia era un disonore per lui, ma egli di rimando: Non più di quanto io sono un onore per lei.»

(Diogene Laerzio, II 114)

Sorridendo vi racconto di Simmia, sorridendo mi piace pensare a Mario Fillioley più come filosofo che come narratore, filosofo che inventa una nuova interpretazione del sesso: Sesso più, sesso meno.

Leggendolo oggi al caminetto ritrovo tante astruserie mie e soprattutto tante astruserie di tutti noi che non siamo oggetti ma soggetti pensanti prima di essere macchine riproduttive, come purtroppo succede a Dolores, la cavalla, oggetto degli studi di Luca Malfitano, l'assegnista universitario che lavora in pizzeria.

Luca è un ricercatore con decine di articoli su riviste di livello internazionale, eppure Luca  rimane imbrigliato in un rapporto di sesso con Brigida, la donna che frigge le patatine nella stessa pizzeria dove lui lavora. Chissà cosa vorranno dire questi contorcimenti di coppia se non il vuoto assoluto della relazione umana! Arianna si interroga sul desiderio, sul desiderio di chi desidera lei, di chi vuole entrare in contatto con lei, ma sul suo desiderio glissa, in effetti. 

Sesso più, sesso meno, mi ricorda un tipo che chiamava attrezzistica il fare all'amore con la moglie, dunque costui faceva un sesso meno. In effetti i protagonisti del libro sono le coppie, Peppe e Arianna, Brigida e Enzo, o Brigida e l'ex marito, e poi Sergio, Sergio che si interroga, smarrito a Terni, "Cos'è questo sesso che è solo sesso? Chi l'ha mai visto?" ed anche lui sa benissimo che il sesso non è mai solo sesso. 

Un vero trattato di filosofia mascherato da romanzo lieve e sorridente sulle nostre manchevolezze, mascherato da post su Facebook, mascherato da coppie che non sono coppie, ma che vorrebbero esserlo. Oh, quanto lo vorrebbero! però però vi lascio scoprirlo nella lettura

Ippolita Luzzo  


giovedì 3 marzo 2022

Fifty-Fifty La mente Rivelatrice di Ezio Sinigaglia e Massimo Scotti


Trovo fiabesco e fuori dal tempo e dallo spazio il fatto che entrambi questi due libri di due autori legati da una serie di incontri letterari stiano nello stesso momento e nel presente insieme qui nel Regno della Litweb. Cerco di raccontarlo a mia sorella ma la vedo distratta e così ritorno al blog, ritorno qui con un pezzo che nasce da "Il mistero ha i suoi misteri" Cocteau La macchina infernale. 

Un libro di domande, il primo capitolo deLa Mente rivelatrice di Massimo Scotti distingue la percezione letteraria in un doppio significato: percezione in letteratura e percezione attraverso la letteratura, il primo significato è relativo in quali modi si sia indagato sulle attività percettive, il secondo è sul come i testi scritti plasmano e modificano la realtà. Nel secondo significato ci sta tutto il nostro creativo mondo letterario che richiede una letteratura libera, senza coercizioni "Per svolgere la sua funzione trasformativa sul linguaggio come sulla mente umana ha bisogno di essere esente da condizionamenti e censure. Altrimenti si riduce a un prodotto scialbo e inerte. Addomesticato, e inerme." sono così la maggior parte dei prodotti letterari di questa epoca indecente ma non è così per il libro di Ezio Sinigaglia, già letto e conosciuto da Massimo Scotti più di trent'anni fa.

 Oltre il tempo e oltre lo spazio il primo amatissimo libro di Ezio Il Pantarei, ci unisce nel il tempo e i giorni, era questo il titolo originario, e rimane conservato nel cassetto di Massimo Scotti e ritorna pubblicato da TerraRossa edizione grazie a Giuseppe Girimonti Greco, l'angelo della letteratura vera, della letteratura che libera. 

Dopo Il Pantarei Ezio Sinigaglia pubblicherà L'imitazione del vero, e Fifty-Fifty prima parte e ora Fifty-Fifty seconda parte, regalandoci il giocoso gioco di uno stile creativo e divertente. Uno stile liberatorio.

 Giochiamo con Ezio, insieme a Massimo, con Due gocce d'acqua da Fifty-Fifty:" Il cielo, adesso, drammatico, barocco. Nuvole bianche, grasse, cotonose, gonfiano i bicipiti e attorcigliano le chiome, simili ad angeloni stupidi di gesso. Galoppano innocui e vanitosi sotto la frusta di scirocco, gli angeloni bianchi, felici di agitare l'azzurro della volta e di giocare con il sole, velandolo e svelandolo fulminei nel loro interminabile corteo."

Potrei raccontarvi la trama di Fifty-Fifty Sant'Aram nel Regno di Marte ma non aggiungerei nulla al piacere che troverete gustando pagina dopo pagina le trovate e le godurie delle immagini e delle situazioni ma soprattutto le astrazioni e le sciarade, le crittografie e i rebus. e poi le enigmi. Io ho messo tante orecchiette al libro di Ezio e non posso riportare qui, e "forse le intuizioni della letteratura si capiscono appieno solo dopo che la scienza le ha confermate" ci scrive Massimo Scotti ma noi le apprendiamo giocondamente leggendo Ezio Sinigaglia amatissimo nel Regno della Litweb   

Ippolita Luzzo 

domenica 13 febbraio 2022

Silvia Cossu Il Confine


 Il Confine
: Il romanzo ci fa subito entrare in una dimensione di suspense, molti sono i temi trattati e soprattutto si vorrebbe subito sapere cosa sia successo tra i due protagonisti principali e soprattutto chi siano.

 Anche la voce narrante mi sembra sfuggente nel suo raccontarsi. Lei è una scrittrice di biografie a pagamento e lui uno psichiatra di successo. Quello che poi è intorno è il mondo dei folli o almeno di tutti gli inquieti.

Mi sono ricordata un libro di Stefano Redaelli "Beati gli Inquieti" Anche lo scrittore ci dice" la follia la stavo studiando e volevo vederla da vicino; in quel momento si è aperto un mondo di persone, di pazienti, di un linguaggio completamente diverso (mi ricordo che sono stato accolto sull’uscio con un grido che poi ho voluto conservare nel romanzo: “si può costruire nel deserto”

Nel leggere il racconto alcune immagini erano familiari, qui da noi nel reparto di psichiatria c’è un bellissimo giardino coltivato dai degenti e il primario è un uomo che usa modi molto attenti e innovativi.

C’è poi il terzo registro ed è quello della ricchezza. Si può pagare tutto è la domanda che ci sorge leggendo il libro? E la risposta si troverà leggendo il libro.   

Silvia Cossu, nata a Roma nel 1969, autrice di romanzi e racconti, sceneggiatrice per il cinema, a metà febbraio pubblica con Neo Edizioni. Il confine, il suo nuovo libro, che racconta il corpo a corpo di una donna nell’ombra con un uomo di fama internazionale la cui figura, incontro dopo incontro, diventa sempre più inafferrabile. 

Il suo romanzo è presentato al Premio Strega 2022. Renato Minore parla di “un piccolo giallo dell’anima” che, “con grande sapienza costruttiva, avvicina ad una più profonda domanda di senso. Quasi un viaggio iniziatico”.

Ne seguiremo il cammino dal Regno della Litweb

Ippolita Luzzo

sabato 29 gennaio 2022

Andrea Italiano La Coca


Con una prestigiosa collana di qualità, L'arcolaio, casa editrice di Gian Franco Fabbri, sono pubblicate le poesie di Andrea Italiano, saggista d'arte e poeta "narrativo" come scrive Diego Conticello nella sua prefazione. Io, guardando la sua produzione saggistica su Caravaggio, ho visualizzato le sue poesie come dettagli dei quadri del Caravaggio, immersi nella stessa luce che esalta e allontana il soggetto dalla realtà. Una realtà violenta e ingiusta, una realtà deforme, dove "Voler essere felici è tragico"

Andrea è un poeta civile, un poeta che denuncia le storture dei nostri tempi orribili. Affida al verso le immagini, le fasi dello schiacciamento di un gatto investito sulla strada e poi diventato trasparente a furia di essere pestato sull’asfalto, poi continua a denunciare la vita orribile delle prostitute sulla strada e la condizione dei lavoratori alle casse dei supermercati, dipendenti della volontà del padrone. Una realtà che schiaccia e annienta qualsiasi velleità artistica, qualsiasi anelito di libertà

Noi siamo "come le formiche/che sia a primavera o estate poco conta/accumulare devono cose da mangiare/neppure sveglie/e già rimettersi pesi sulle spalle,/rubare fare a pezzi morire/per quando verranno autunno/inverno/perché verranno autunno/inverno/la stessa condanna

Sono poesie amatissime da me e condivido tutto del suo “Ho passato tutta la sera a leggere Simone Cattaneo” che vi raccomando. 

Non conoscevo Simone Cattaneo e la scoperta postuma dei suoi versi, ma credo nello spazio asfittico del destino che può soffocare gli spiriti più sensibili. Ognuno poi scegli di sfuggire come può e mi piace moltissimo quando Andrea ci dice "Mi prefiggo per il futuro di cercare solo cose belle,/emozioni bei pensieri bella gente/essere contento di quello che ho/perché c'è gente che non ha nemmeno questo.

Sembra un mio manifesto e il Regno della Litweb mi è nato dentro da dieci anni per la stessa esigenza, vivere malgrado tutto cospiri affinché non sia possibile, vivere incontrando anime belle, bei pensieri, poesia vera

Se poesia ha un suo martello, un suo urlo, un suo manifesto, “La Coca” di Andrea Italiano lo ha, ha il martello, il manifesto, l’urlo, per una nuova resistenza. 

Ringrazio questa possibilità di leggere poesie che vorrei vedere lette e distribuite nelle scuole e nelle strade, nei luoghi di lavoro, ringrazio Andrea e ringrazio la poesia di Andrea Italiano che giunge in Litweb per vie imperscrutabili. 

Nei versi la vita e gli incontri per noi

Ippolita Luzzo 


mercoledì 26 gennaio 2022

Giorno della memoria

 2015 Il danno: Se pigio un bottone che danno faccio? Se io devo solo timbrare cosa può importami di quello che timbro? E se sto al forno e ti vedo bruciare io devo soltanto chiudere la bocca, la bocca del forno.

Il danno volto non ha ed immemori, inconsapevoli, tutti hanno collaborato ai vari nazismi, e capitalismi, ai comunismi e dittature di tutte le taglie e di ogni periodo. 

Se si declina alla libertà individuale resta un collaborazionismo che incolpevoli vi farà sentire  dopo aver chiuso il gas.

lunedì 24 gennaio 2022

Viviana Fiorentino Trasferimenti


"La cifra nel tessuto" è il titolo della prefazione di Marilena Renda alla raccolta di poesie di Viviana Fiorentino e leggendola mi è tornata in mente una conversazione sulla scrittura di Antonio Tabucchi con Luca Cherici "Dietro l'arazzo"
In questa conversazione Tabucchi ci racconta che i filosofi taoisti chiamano lo specchio "lo sguardo ritornato" uno sguardo che torna indietro. 
"Trasferendo questa situazione spaziale su un piano temporale, se noi potessimo tornare indietro e ripercorrere, come in un imbuto, la nostra vita, sarebbe già un'altra maniera di avvicinarsi ad essa scrivendo. La nostra vita scritta è come uno specchio, e tutto si capovolge." La vita si può solo vivere, conclude Tabucchi, e per lui la letteratura è un giardino ordinata, ciò che si mostra agli altri. 
La realtà è indecifrabile e trovo che questo dire di Tabucchi abbia molta vicinanza con la tensione di Viviana a stare in "Un posto per vivere" come conclude il "Canto"
Le poesie di Viviana Fiorentino sono parlanti e ci invitano ad amare il dialogo, l'altro, gli affetti, la terra, a sentirci insieme in qualunque paese si abiti. 
A leggerle rincuorano, si portano dietro come amiche.
"Manterrò alto il canto" con la parte dedicata ai distici greci, ai frammenti di Saffo
"Viaggiamo

e riceviamo
un vestito e anche un volto

dell'altro.

Soave è poi arrivare."
 
Nella felicità che siano arrivate per vie imperscrutabili nel Regno della Litweb le affido alla vostra lettura amandole immensamente
Ippolita Luzzo 

Viviana Fiorentino. Scrittrice, traduttrice e attivista, vive in Irlanda. Autrice di: In giardino (Controluna Edizioni), Tra mostri ci si ama (Transeuropa Edizioni); in antologia ‘Writing Home: the New Irish poets’ (Dedalus Press, 2019); ‘Days of Clear Light – in Celebration of Salmon Poetry at 40’ (Salmon Poetry, 2020). Una sua silloge è pubblicata da Arcipelago Itaca nel 2018. Sue poesie, racconti e traduzioni compaiono su blog letterari (i.e Nazione Indiana, Modus Legendi, Poetarum Silva, Culturificio, Carteggi Letterari, Larosadipiu, Formicaleone, Poethead) e su riviste internazionali (Abridged; The Trumpet 9 – magazine di Poetry Ireland; Mantis 19 – giornale di poesia della Stanford University; Honest Ulsterman; The Blue Nib Brumaria, FourXFour Poetry Journal; Paris Lit Up). Le poesie di Viviana sono state premiate e segnalate ai premi: Arcipelago Itaca, Bologna in Lettere, Premio Letterario Nazionale Gianmario Lucini. È co-fondatrice delle iniziative di attivismo poetico Sky, You Are Too Big and Letters With Wings, e del blog Le Ortique. Dal 2020 facilita workshops di poesia per minoranze culturali (Quotidian Word of the Street). Ha scritto per la rivista «TerreLibere» sui temi della politica delle migrazioni nel Regno Unito.
  

giovedì 20 gennaio 2022

L’assalto alla memoria

Giornata della memoria assaltata e trasformata. 

Usata per dire altro.

Periodi storici sempre più confusi e usati per rappresentare nuovi disagi.

Simboli non più. 

La memoria corta 

mercoledì 12 gennaio 2022

L'anno del Bradipo di Domenico Calcaterra


Per la collana Margini diretta da Filippo La Porta  Domenico Calcaterra pubblica nel maggio 2021 L’anno del Bradipo Diario di un critico di provincia. Il diario inizia dal 13 luglio, volendo proprio sconfessare le dicerie sul tredici o sul diciassette, numeri considerati forieri di disgrazie, chissà perché. Nel diario scorrono i pensieri, ma anche le conversazioni fatte con altri amici, come Marco Ciaurro, studioso e critico letterario, sulla difficoltà di vivere in periferia e dai margini cercare un dialogo verso il mondo.

 Confessa Calcaterra “Da oltre un anno non pubblico altro, sui social, se non simili iconici referti: messaggi in bottiglia abbandonati al mare della grande bolla; regesti, di volta in volta, dei miei umilissimi cimenti – perché il critico si cimenta dove il cuore lo fomenta».

 Nello scorrere il diario di un anno lento, non è il bradipo un animale lento per sua natura? Domenico Calcaterra riflette sui vizi di fare ogni volta coccodrilli esagerati in morte di qualche personaggio pubblico, di scrittori e giornalisti. Riflette sui libri in lettura e sulla nascita di un nuovo genere letterario, un ibrido fra narrazione e saggistica, un nuovo modo per parlare di altri libri insieme al disagio personale di poter diffondere proprio ciò che si ama di più in letteratura. 

Fra i tanti mi piace ricordare cosa direbbe Domenico a Collodi: ”fosse vivo ancora Collodi, come antidoto a quella dizione troppo consolatoria, e dunque in nome della perduta coerenza e verità della sua fiaba, gli chiederei senz’altro di restituire un più congruo suggello alle peripezie del burattino che potrebbe essere riscritto, con minima ma sostanziale variazione, pressappoco così: «– Com’ero buffo, quand’ero un burattino! e come ora son “pentito” di esser diventato un ragazzino perbene!...» (che poi dalla contentezza al pentimento, si sa, non di rado il passo è breve). Di questa abbacinante coltre di conformistica ipocrisia mi pare sia ammantata la nostra storia patria sin dai suoi albori.”

Domenico Calcaterra unisce il suo impegno di critico al suo lavoro da insegnante ed ecco:”13 ottobre, ore 12:07 Portare in scena. Per questa missione interpretativa l’insegnante e il critico si assomigliano. Entrambi cercano di rischiarare, attraversandolo, il mondo poetico di un autore; entrambi ambiscono a rievocarlo, tenendo insieme sentimento e concetto, desanctisianamente: «il critico» – come l’insegnante – «dee presentare il mondo poetico rifatto e illuminato da lui con piena coscienza». Estremizzando, per assurdo, l’insegnamento, come la critica, dovrà tendere alla poesia; farsi esso stesso poesia.” Non è una bellissima definizione?

Nel leggere il libro incontro tanti amici comuni e incontro molti libri che non ho letto, il patrimonio della letteratura è sterminato, ma sento l’urgenza di Domenico di far conoscere, di donarci la possibilità di andare a rileggere. D’altronde il filo conduttore è proprio la conoscenza, magari con lentezza, come il bradipo. 

Il diario termina il 13 luglio dell’anno dopo con una serie di dipinti, vere effigi della critica, le altre foto sono dell'autore e riguardano i personaggi veri del libro: suo padre (l'aviatore) e sua sorella (Basilisca).  il diario è solo un pretesto, un contenitore per consentire il massimo della libertà, un testo pienamente ibrido che gioca con differenti livelli di generi e di scritture, pur nell'unicità della voce e a un certo punto l'autore ci dice:" "Qualcosa di scritto, insomma, a cui affidare tutta la gioia, l’entusiasmo potenziale di cui sono stato, sono e sarò sempre capace: dia- rio personale e di lavoro, romanzo della mente, in cui tutto è vero (eccetto forse le date?). Ma si sa, il tempo della scrittura è altra cosa, vive entro una dilatata rincorsa."

Leggiamolo in Litweb 


Ippolita Luzzo



Domenico Calcaterra (1974) è dottore di ricerca in Letteratura Italiana, Cultore della materia presso il Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina. Insegnante e critico letterario, alterna a saggi dal passo più analitico, come Vincenzo Consolo. Le parole, il tono, la cadenza (Prova d’Autore, 2007) e Il secondo Calvino. Un discorso sul metodo (Mimesis, 2014), la pratica di forme più condensate di scrittura critica, nella misura densa della recensione o del saggio breve (Niente stoffe leggere, Meligrana, 2013). Fra le sue recenti pubblicazioni: Lo scrittore verticale. Conversazione con Vincenzo Consolo (Medusa, 2014). Collabora con diverse riviste tra cui “L’Indice dei Libri del Mese” e “Succedeoggi”.