mercoledì 24 novembre 2021

Filippo Polenchi Figlio Fortunato


Giona torna al suo paese d'origine dopo aver frequentato il Centro sperimentale di Roma per fare il regista. Torna ad Anapola, una provincia italiana come tante, torna per poco e viene incaricato da Ettore Lavatori di riprendere la festa di compleanno del figlio Elio, che compirà undici anni. 

Giona ha abbandonato forse il suo sogno di fare il regista, così confessa a Silvia, la madre di Elio, ora può dirle di aver fatto alcuni cortometraggi, tre in tutto, e di essere tornato, prima per poco tempo e poi non era più ripartito. Silvia e Giona si confessano la difficoltà di vivere in quel luogo, un luogo dove dopo un po' di tempo che ci vivi ti viene il sospetto che sia un sogno ricorrente. 

Nel confessare di entrambi ci sono i ritorni che sanno di sconfitta, l'adattamento ad un tran tran, lo scomparire come individuo e lo sfarinamento dei sogni.

Silvia ha sposato Ettore Lavatori, il marchio dell'azienda che dava da vivere a moltissimi in quella città. Il libro inizia e si srotola così, su un figlio fortunato, Elio, che proprio il giorno del compleanno viene investito e ucciso da un furgone frigorifero sulla statale 68. 

Chi lo investe è un altro sconfitto, un uomo forse vittima di una depressione, si voleva uccidere, e nel suo progetto ha per sfortuna incrociato il corpo di Elio.

Così la narrazione assume un aspetto corale, con protagonista Anapola con le sue notti di consistenza fisica, percussiva. 

Sembra un noir, un libro di introspezione psicologica sulla disfatta, su sguardi vuoti perché vinti. 

Mi ha ricordato infatti il ciclo dei vinti di Verga, mi ha ricordato un realismo buio, malato quasi. Il titolo contraddice la trama, la vita si fa beffa di tutti, dappertutto, non solo ad Anapola, se manca la dignità con cui affrontare ogni sciagura, ogni disfatta.

Filippo Polenchi è bravissimo a creare un racconto sceneggiato quasi, infatti noi nel leggere ne vediamo alcune sequenze de Il capitale umano, un film di alcuni anni fa.

Così è la provincia? Non lo so, la percezione non è mai la stessa a seconda del tempo e dell'età, delle situazioni e dello stato di salute, delle gratificazioni e delle umiliazioni. 

Leggere Filippo Polenchi però ci sprona ad abbandonare il vuoto, a ricreare una possibilità, a navigare con la zattera della letteratura verso i lidi sconosciuti citati da Laborit nell'Elogio della fuga. 

Il suo primo libro appare nella curata collana Bookclub di 66TH A2ND dove si trovano anche Fillioley e Di Fiore, una collana curatissima. Tutti bravissimi, ho nominato loro due perché ho avuto modo di leggerli.

Un augurio dal Regno della Litweb con l'augurio di illuminare le province italiane

Ippolita Luzzo 


Nessun commento: