giovedì 28 luglio 2016

La Svezia Terme: Lamezia terme nel 2016

Carmen Pellegrino, scrittrice di Cade la terra, attenta ai luoghi abbandonati così scrive oggi
"Ieri sera seguivo un documentario sulla Svezia; su come ci si ritrovi soli in quel civilissimo e organizzato Paese; su come l'individuo venga prima di ogni gruppo; su quanto frequentemente accada che si muoia in una stanza e si venga ritrovati dopo due anni, perché l'automatismo dei pagamenti dei conti non permette al Sistema di rilevare il piccolo intoppo della morte del contribuente. 
Nel documentario veniva intervistato Zygmunt Bauman, sulle nostre società che respingono l'interdipendenza fra gli individui, in nome di una indipendenza che è già solitudine.
Sono sempre stata convinta che uno dei mali peggiori del nostro tempo sia la determinazione a recidere ogni legame con gli altri (e con i luoghi), in nome di un utilitarismo farneticante, in base al quale frequento chi può servirmi per il tempo utile a quanto devo realizzare. 
I social poi, di cui tutti facciamo uso, non ci permettono di cogliere la reale portata della solitudine in cui siamo immersi. 
La nostra infelicità è figlia anche di questa solitudine: l'altro è solo a un passo, ma quel passo non lo compiamo mai.
Stamattina una mia amica ha affrontato il caldo e ventimila fermate di metropolitana per accompagnarmi a una visita medica, per una stupida congiuntivite che non si toglie. E' quasi certo che da sola non ci sarei andata. Così, mi sono ritrovata a ringraziare il cielo di avere un'amica e di avere un legame con lei.
C'è un neologismo francese, reliance, che rimanda proprio al concetto di legame. C'è poi questo verso di Bécquer: La solitudine è molto bella... quando si ha vicino qualcuno a cui dirlo.
In questo tempo in cui possiamo avere tutto, siamo infelici soprattutto perché siamo soli..."
Io rispondo subito così,  seguendo  l' osservazione esatta di Giuseppe Giglio "La solitudine la avverti proprio stando in mezzo agli altri, diceva Pirandello. Ed erano ancora di là da venire, i social..."
Cara Carmen, vengo da una infanzia con i vecchi seduti sulle porte e i bimbi per le strade. Ora anche il sud non è più. Chiuse le porte e bimbi in casa o in palestre. Con i miei vicini di cooperativa mi saluto con educazione ma quando il primo anno proposi e attuai abbellimento natalizio di strada comune mi guardarono con diffidenza come se avessi soldi da buttare. Quando feci una visita ad un vicino che conoscevo,  mi dissero, entrambi i coniugi, che si guardavano bene dal far andare gente in casa
Così meglio qui. Ho rapporti affettuosi e vi sento partecipi. Certo se devo fare una puntura bisogna chiederlo alla vicina, lo so, ma qui esiste una vicinanza mentale.
Rispondo a Carmen e mentre a fare la spesa faccio queste considerazioni. Nessun vicino di casa esiste più, nessuno. Mia mamma di 92 anni ha tenuto in piedi una famiglia patriarcale, ha cucinato e fatto bottiglie di salsa, taralli e maiale, per una pletora di parenti fantasmi. Scomparsi. Ogni giorno io e mia sorella ci diamo il turno, ogni giorno sempre uguali passano le giornate, ogni giorno mio padre, affetto da disorientamento, esce con la signora che l'accompagna, ogni giorno mio fratello sta al fianco di mia madre ripetendole la sua litania, da sessantasei anni. Ci sarebbe da impazzire anche nella civile Svezia eppure Lamezia non è da meno. Dove sono queste tavole imbandite? Ci saranno, ma non per molti, per moltissimi. Dove sono queste visite e questo accorrere di tutta la gente? Una volta andavo in un centro anziani per fare un corso di alfabetizzazione volontario e loro mi raccontavano di figli fuori, al nord, di figli vicini che non li parlavano, di solitudini infinite. Svedesi a Lamezia. Lamezia come la Svezia.
Io ho risolto le  mie domeniche, e i miei lunedì fino a sabato, con un foglio in mano da scrivere o da leggere, ho un luogo oltre il polo artico dei rapporti amicali che mi fa navigare e dalla Svezia terme sono lontana, per non sentire il ghiaccio dei comportamenti umani. 
Provai un periodo ad invitare, feci pranzi e ricevimenti, venivano a mangiare anche persone non invitate e poi mi accorsi che il rapporto svedese restava, anzi misterioso, perché qui si aggiungeva l'omertà anche per semplici domande. Sto ora rimestando un periodo lontano, mi piacciono le persone e sono felice di stare a chiacchierare, di preparare, di accogliere, ed ho svoltato l'accoglienza verso chi ama leggere, verso chi scrive, amando l'arte che si fa vita e rapporto di relazione. Social o non social qualsiasi mezzo è utile per sentirsi vivi. Se poi abbiamo bisogno di una puntura troveremo chi la fa...   

Nessun commento: