sabato 28 giugno 2014

Vita da bonobi



Vita da bonobi     11settembre2011

I bonobi vivono sulla rive gauche  del fiume Congo, sulla destra vivono gli scimpanzé.

Gli scimpanzé sono aggressivi, conservatori, prepotenti, sono di destra.

I bonobi sono liberi, anticonvenzionali, anticonformisti, emancipati, sono di sinistra.

I bonobi hanno coniato la frase- facciamo l’amore non la guerra- e passano il tempo a trastullarsi, beati loro, senza  frustrazioni, senza digiuni, in pace, hanno sconfitto l’aggressività con la  sessualità.

Sono molto simili  e dissimili da noi. Noi non riusciamo ancora a trovare il filo conduttore dei nostri istinti, malgrado tanta filosofia, tanta cultura. Gli uomini proprio non riescono, i bonobi sì. Mai sentito di  un bonobi chiamare lei troia, puttana, zoccola, mai. Mai sentito una lei bonobi chiamare lui cornuto, vigliacco, stronzo, mai. Hanno sconfitto l’aggressività. Noi,invece, continuiamo ad ondeggiare fra il vecchio e il nuovo, fra peccato e perversione,  fra istinto e repressione,  insulto e desiderio, sporcando irrimediabilmente una esigenza naturale. La donna che fa è una grande troia, chi non fa una sessuofoba, una che se la tira. Mah! Alcune imitano le bonobi  ed ondeggiano sugli alberi della comunicazione discinte, scomposte, offrendo il prodotto già pronto. Saranno felici, in pace? Chissà! Altre tentano una mediazione,  uno status da moglie, un prodotto da salvaguardare. La terza via è più  complessa, prescinde dal prodotto  e vorrebbe  veramente l’armonia fra sessi  bisognevoli uno dell’altro senza zoccole e cornuti. Ma noi, che non siamo fra i bonobi, noi siamo complicati, noi dobbiamo sedurre e poi dobbiamo abbandonare, noi non ci divertiamo se non facciamo un pò soffrire, noi che conosciamo il bene e il male. Noi siamo e non siamo, non sappiamo neppure chi siamo, vogliamo e non vogliamo, però se lei ci sta è una puttana. Non so da che parte andare! Guardo solo da lontano! Guardo un mondo sofferente che si uccide per un gioco, che uccide per passione ,per vendetta, per amore. Guardo un mondo senza pace, senza educazione, un mondo che non piace, guardo tutto impoverito, guardo e sogno  un altro giorno sulla nostra rive gauche, sulla riva del rispetto della nostra umanità.

PS mi vergogno un po’ma le parolacce erano necessarie – Scusatemi, di solito non le uso

Però mi piace proprio la storia dei bonobi. Chissà come mi è venuta in mente.  Non lo so neppure io! E comunque è proprio vera

Io mi sono molto divertita a scriverla e mentre scrivevo  ridevo,  perché tutto fa ridere  visto da fuori!

                                                                                                                   

2 commenti:

Pico della Mirandola ha detto...

Scimpanzè, bonobi, oranghi, gorilla ecc. non sono nè di destra nè di sinistra - queste sono categorie culturali solo degli animali umani.Loro sono semplicemente se stessi.Vivono in pace con sé e il loro habitat e la loro selvaticità.Solo i cuccioli d'uomo sono simili a loro e si comportano allo stesso modo dei loro cuccioli. Sono animali sociali come noi che vivono società complesse tanto quanto quelle degli umani.Condividono con noi Homo Sapiens sapiens (?!) quasi il 100 % del DNA.Non so dire se noi animali umani dobbiamo imparare da loro. Se l'evoluzione ci ha separati dai primati è stato per portarci ad un livello superiore. Un bonobo non scriverà mai poesiee non canterà canzoni. Ma anche questo non è vero. Le balene per esempio cantano.Insomma, via la biodiversità biologica e culturale.

Ippolita Luzzo ha detto...

Certo che non votano Scimpanzé e Bonobi, oranghi e gorilla ma io li umanizzai per parlare degli umani!